Crea sito

La Spezia 01/01/1908 - Castelvetrano 13/04/1943

Gennaro Santillo

      Campionato Finali
      P G P G
1925/26 Spezia 2'd 6 1    
1926/27 Spezia 1'd 18 1    
1927/28 Spezia 1'd 15 2    
1928/29 Spezia 1'd 22 1 2 0
1929/30 Spezia B 28 0    
1930/31 Spezia B 11 0    
1931/32 Spezia B 32 0    
1932/33 Palermo A 33 0    
1933/34 Palermo A 34 0    
1934/35 Palermo A 24 1    
1935/36 Palermo A 19 1    
1936/37 Palermo B 27 0    
1937/38 Palermo B 31 2    
1938/39 Palermo B 32 1    
1939/40 Palermo B 34 0    
1940/41 Grosseto C 24 0    
1941/42 Grosseto C 10 0    

 

Tratto da 1906-1989 A.C. Spezia – ieri, oggi, domani.

ed. La Nazione.

Testo di Fulvio Andreoni

Gennaro Santillo è stato un giocatore di classe, un centromediano che fu secondo solo a Luisito Monti e Fulvio Bernardini, idolo di una Palermo serena. Santillo allievo del grande Joszef Violak, ha del suo maestro tutte le caratteristiche del gioco. Potente ed autorevole sia nel gioco offensivo che difensivo, l’atletico Santillo appare subito come un dominatore, il vero protagonista della partita, nella quale profonde tutte le sue inesauribili energie. Fiato di struzzo e cuor di leone.

Gennaro Santillo è un duro. Quante vittorie deve lo Spezia a questo meraviglioso calciatore! Per anni venne ritenuto il miglior centro-sostegno della Serie B. Palermo lo elesse a proprio idolo. In Sicilia vecchi sportivi ancora lo ricordano con affetto sincero. Santillo nel corso della seconda guerra mondiale muore a bordo di un treno bombardato da aerei nemici. La sua scomparsa è rimpianta da tutti. Era ancora nel fiore degli anni ed al calcio poteva dare ancora molto. Molte squadre metropolitane lo avrebbero voluto con loro ma i dirigenti del Palermo seppero respingere ogni loro offerta.

La casa dei Santillo

Dal Littoriale del 02/12/1936

La partita di domenica scorsa al “Picco” ha messo di fronte i due Santillo che, inutile a dirlo, si sono battuti da bravi fratelli, come del resto hanno fatto gli altri venti duellanti. Il risultato salomonico è stato accolto con sospirone da mamma Santillo che, preoccupata di mantenere l’armonia familiare tra le mura domestiche, si sforzava di metter d’accordo le due parti. Papà Santillo e Gennaro parte rosa, Umberto ed il cognato Marziano parte bianca.

Pari e patta e della pace ognuno ne goda e tutto è finito con una bella cena

Gennaro Santillo, quarto in piedi da sinistra, ad un raduno della Nazionale di Vittorio Pozzo. Nonostante alcune convocazioni non riuscirà ad esordire in nazionale

Gennaro Santillo indossò in un occasione la maglia azzurra della rappresentativa dell'Italia centro-meridionale. Il 28 ottobre 1932 a Napoli fu schierato contro la Polonia in una partita che finì 3-0 per la rappresentativa azzurra.

 

 

 

Tre calciatori spezzini, Colombari, Santillo I, Rossetti II, prima dell'incontro di Serie A tra Napoli e Palermo del 1936.