Crea sito

NEDO SONETTI

PIOMBINO 25/02/1941

      Piazzamento   Campionato   Coppa Italia  
          v n p   v n p  
1976/77   SERIE C 3   11 20 7   1 1 2  
1977/78   SERIE C 7   14 13 11   2 0 2  
1978/79   SERIE C1 17 retroc   3 12 8   1 1 2 Sostituito
                         
    Totali 111   28 45 26   4 2 6  
                         

 

Nedo Sonetti già calciatore dello Spezia per tre stagioni nella metà degli anni sessanta, approda sulla panchina degli aquilotti nella stagione 1976/77. In precedenza aveva allenato il Viareggio in Serie D e la Casertana in Serie C. Il primo campionato è uno dei migliori dello Spezia, l’ossatura della squadra è formata dai fedelissimi Motto, Bonanni, Giulietti, Franceschi, Seghezza ed Agostini e viene rinforzata dal portiere Moscatelli, dai centrocampisti Speggiorin e Sellitri oltre che dall’attaccante Angeloni. Il terzo posto dietro le corazzate Pistoiese e Parma sarà per molti anni il miglior risultato ottenuto. Nella seconda stagione la famiglia Mordenti cede i due gioielli Moscatelli e Speggiorin sostituendoli con i discreti Masoni e Mugianesi. Nedo, appoggiato dalla società,  decide di iscriversi al Supercorso di Coverciano assentandosi per seguire corsi di aggiornamento all’estero così lo Spezia gli affianca un giovane il Professor Francesco Scoglio che all’epoca era solo un giovane preparatore atletico poco conosciuto. La stagione viene funestata dalla morte di Paolo Colombi autore di tre gol nelle prime cinque partite, deve fermarsi per i forti dolori che lo colpiscono. A febbraio deve arrendersi alla malattia che stroncherà la sua giovane vita. Lo Spezia riesce comunque a raggiungere il settimo posto che vale l’ammissione alla nuova Serie C1 . La terza stagione è la più sofferta. La squadra praticamente non opera sul mercato inserendo il solo Martini cedendo Zunino Ricciarelli e lasciando libero l’esperto Batistoni . La squadra non raccoglie punti  e dopo l’ennesima sconfitta di Novara, Sonetti lascia lo Spezia sostituito dal suo secondo Bumbaca affiancato dai senatori  della squadra Motto e Seghezza. Il campionato si chiude con un penultimo posto che vuol dire C2.

Sonetti rimane uno degli allenatori più importanti della storia dello Spezia apprezzato dalla società ed amato dai tifosi che per anni appenderanno il famoso striscione “Nedo e 11 contro tutti”. La sua carriera di allenatore sarà lunghissima e costellata di promozioni e salvezze insperate .